COMUNICATO STAMPA

invia a...

12/11/2017

Decreti attuativi della riforma dell’O.P.: il volontariato sia coinvolto nelle consultazioni
di Ornella Favero (Presidente della Conferenza Nazionale Volontariato Giustizia)

“Ritengo il ruolo del volontariato nelle carceri italiane un elemento decisivo”*: sono sue parole, ministro Orlando, se lo pensa davvero ci faccia leggere i testi dei decreti attuativi della riforma penitenziaria e ne discuta anche con noi.
Gentile ministro Orlando, sono stati da poco consegnati al Garante Nazionale i primi testi dei decreti attuativi della riforma dell’Ordinamento penitenziario e abbiamo letto che è sua intenzione convocare i sindacati della Polizia penitenziaria per discutere i contenuti di questi decreti.
Non sappiamo come stiano davvero le cose, sappiamo però che bisogna correre per non rischiare di buttare via tutto il lavoro fatto, ma non vogliamo certo farle perdere tempo. Le scriviamo per dirle che ci sembra importante che il Volontariato sia coinvolto almeno in una rapida “consultazione”, scriviamo “almeno” perché avremmo voluto esserlo anche nelle Commissioni che stanno scrivendo i decreti attuativi della Riforma, per la semplice ragione che riteniamo che le nostre associazioni abbiano un ruolo fondamentale in tutte le fasi dell’esecuzione penale, e che in questi anni il Volontariato abbia accumulato un patrimonio di conoscenze dirette, “sul campo”, che sarebbero utili anche ai giuristi e agli esperti che stanno lavorando nelle Commissioni.
Gentile Ministro, tante volte nelle sue relazioni di fronte alle autorità europee l’abbiamo sentita lodare la straordinaria presenza del Volontariato nelle carceri italiane, il suo ruolo propulsivo, la sua capacità di costruire percorsi di accompagnamento delle persone detenute, dal carcere al reinserimento nella società, l’abbiamo sentita, nel suo messaggio al Premio Castelli il 6 ottobre scorso nella Casa di reclusione di Padova, dire: “C’è moltissimo da fare e la spinta delle Istituzioni, dell’associazionismo, del volontariato è preziosa affinché l’amministrazione penitenziaria avverta appieno il cambiamento in atto e sia confortata da un sostegno sociale indispensabile affinché i cambiamenti si realizzino nel più breve tempo possibile”.
Ecco, il Volontariato può contribuire con forza al cambiamento necessario nelle carceri, e può anche, con il suo apporto di energie, di risorse, di idee, arginare il rischio di un nuovo degrado, legato a un pericoloso ritorno del sovraffollamento, per questo è importante che conosca i testi dei decreti attuativi della riforma, che ne discuta, che dia il proprio apporto critico, che si senta valorizzato e realmente apprezzato, e non piuttosto usato nelle situazioni di emergenza.
Grazie dell’attenzione, la nostra speranza è che lei accolga la nostra richiesta e ci incontri poi per ascoltare le nostre osservazioni sui testi dei decreti attuativi della riforma.

*Dal messaggio del ministro Orlando al premio Castelli, Casa di reclusione di Padova, 6 ottobre 2017
 

Oggi: 18/12/2017
Risoluzione ottimizzata 1024 x 768
Realizzato da
Roberto La Barbera