COMUNICATO STAMPA

invia a...

19/10/2015

Oscar Luigi Scalfaro Ornella Favero eletta Presidente della Conferenza Nazionale Volontariato Giustizia (C.N.V.G.)
La C.N.V.G., fondata nel 1998 e con sede a Roma, rappresenta Enti, Associazioni e Gruppi impegnati in esperienze di volontariato nell’ambito della giustizia, all’interno e all’esterno degli istituti penitenziari.
Ad oggi è strutturata sul territorio con 18 Conferenze Regionali (che riuniscono circa 200 Associazioni), e con l’adesione di numerosi Organismi del Terzo Settore: A.I.C.S., Antigone, A.R.C.I., Caritas Italiana, C.N.C.A. - Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza, Comunità Papa Giovanni XXIII, Forum Salute in Carcere, J.S.N. - Jesuit Social Network Italia Onlus, Libera, S.E.A.C.
Complessivamente i volontari che afferiscono alla C.N.V.G. sono oltre 10mila.

L’elezione di Ornella Favero a Presidente della Conferenza Nazionale Volontariato Giustizia è una buona notizia non solo per il mondo del volontariato in carcere ma anche per tutte le persone di buona volontà che lavorano per rendere più umani e civili gli istituti penitenziari, quindi per dare linfa vitale all’articolo 27 della Costituzione.
Ornella Favero ha fondato e dirige dal 1997 la rivista Ristretti Orizzonti, un importante punto di riferimento a livello nazionale sul mondo della detenzione, non un “giornalino” dal carcere, ma un centro di elaborazione e informazione sul mondo carcerario italiano, di riflessione sul senso della pena e sul rapporto tra autori e vittime di reato, attraverso i dibattiti e l’attività giornalistica, cui si affiancano attività formative, convegni e scambi culturali.
Oltre all’edizione di libri ed alla rivista a stampa, redatta con detenuti italiani e stranieri, Ristretti Orizzonti pubblica in rete un "Notiziario quotidiano" completo su informazioni e commenti riguardanti il carcere e la giustizia, e ha un archivio storico di 15 anni e 130 mila notizie, strumenti indispensabili a
chiunque voglia conoscere, studiare e contribuire a fare qualcosa di buono in carcere.
Ristretti Orizzonti è anche da anni il motore di un progetto, “la scuola entra in carcere, il carcere entra a scuola”, che coinvolge migliaia di studenti e decine di detenuti in un confronto serrato e sincero. Ornella Favero è l’animatrice volontaria di questa esperienza, i cui risultati principali sono stati di rendere i detenuti protagonisti della conoscenza e del riconoscimento di sé, e di suscitare il loro confronto continuo con i giovani delle scuole e con le vittime di reati e loro famigliari.
 

Oggi: 25/06/2017
Risoluzione ottimizzata 1024 x 768
Realizzato da
Roberto La Barbera