NEWS/ARTICOLO

01/02/2016

Lettera al Ministro della Giustizia, Andrea Orlando: "Richiesta documenti conclusivi Tavoli di lavoro Stati generali esecuzione penale"

invia a... segnala a...


All’attenzione del Ministro della Giustizia, Andrea Orlando
e, per conoscenza alla c.a
del Coordinatore del Comitato scientifico degli Stati generali, Prof. Glauco GIOSTRA
ai componenti del Comitato
Adolfo CERETTI
Luigi CIOTTI
Franco DELLA CASA
Mauro PALMA
Luisa PRODI
Marco RUOTOLO
Vladimiro ZAGREBELSKY
Francesca ZUCCARI


Padova, 31 gennaio 2016

Richiesta documenti conclusivi Tavoli di lavoro Stati generali esecuzione penale

Gentile Ministro Orlando,
la Conferenza Nazionale Volontariato Giustizia, l’organismo maggiormente rappresentativo di Enti, Associazioni e Gruppi impegnati in esperienze di volontariato nell'ambito della giustizia, all'interno e all'esterno degli istituti penitenziari, di cui la sottoscritta, Ornella Favero, è Presidente, chiede di poter avere accesso al più presto ai documenti definitivi prodotti dai Tavoli di lavoro degli Stati Generali, che hanno concluso di recente la loro attività.
La Conferenza ha apprezzato da subito la voglia di innovare e produrre una svolta culturale nell’esecuzione penale, che ha caratterizzato la sua scelta di indire gli Stati Generali, e ha però anche espresso fin dall’inizio il suo dissenso sulle modalità con cui il Volontariato era stato coinvolto all’interno dei 18 Tavoli. Ma nello stesso tempo, a lavori quasi conclusi, ritenevamo e riteniamo più importante dare il nostro apporto a questa seconda fase, di diffusione dei risultati dei Tavoli, di approfondimento e discussione all’interno della società, piuttosto che restare attaccati alla nostra insoddisfazione.

Lei sa bene, per averlo sottolineato più volte, che molte delle attuali opportunità (ancora troppo limitate) di occupare il tempo della pena in modo sensato e di costruire dei percorsi di reinserimento guidati e sostenuti sul territorio si devono ai volontari impegnati nelle carceri e nell’area penale esterna, volontari che si riconoscono nella Conferenza Nazionale.

È per questo che le chiediamo di essere REALMENTE coinvolti nel dibattito che si dovrebbe aprire nella società sui temi della Giustizia, del carcere e del reinserimento, e di esserlo a partire dalla possibilità di leggere finalmente le relazioni conclusive degli Stati Generali, di discuterne e di portare il confronto su questi temi nelle carceri stesse e nella società, come già facciamo da anni con tanti progetti come quello che coinvolge le scuole, “A scuola di libertà”.
Ci auguriamo che questo appello possa essere da Lei accolto, e che possa essere dato ascolto al più grande coordinamento che opera in questo campo a livello nazionale, superando la poca chiarezza che c’è stata nella fase iniziale dei lavori degli Stati Generali. Noi siamo disponibili a collaborare, speriamo che ci sia dato modo di farlo.

La Presidente
Ornella Favero


Alleghiamo un piccolo promemoria sulla Conferenza Nazionale Volontariato Giustizia

La Conferenza Nazionale Volontariato Giustizia, fondata nel 1998 e con sede a Roma, rappresenta Enti, Associazioni e Gruppi impegnati in esperienze di volontariato nell'ambito della giustizia, all'interno e all'esterno degli istituti penitenziari. Ad oggi è strutturata sul territorio con 18 Conferenze Regionali (che riuniscono circa 200 Associazioni), e con l'adesione di numerosi Organismi del Volontariato: A.I.C.S., Antigone, A.R.C.I., Caritas Italiana, CNCA - Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza, Comunità Papa Giovanni XXIII, Forum Salute in Carcere, J.S.N. - Jesuit Social Network Italia Onlus, Libera, S.E.A.C.
Complessivamente i volontari che afferiscono alla C.N.V.G. sono oltre 10mila.

Nel mese di novembre 2014 la CNVG ha stipulato con il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria un Protocollo operativo, protocollo che viene a integrare i Protocolli precedenti: con il Ministero della Giustizia siglato in data 08 giugno 1999; con la Direzione Generale Esecuzione Penale Esterna del D.A.P. siglato in data 28 luglio 2003.

L'importante riconoscimento del Ministero e del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria - Il DAP riconosce la CNVG quale soggetto referente per le scelte programmatiche che riguardano gli ambiti di interventi del volontariato nel settore dell'esecuzione penale e più ampiamente nel settore giustizia – ci stimola a lavorare intensamente per migliorare la vita delle persone detenute e a impegnarci affinché si sviluppi sia a livello politico che di società una cultura nuova dell’esecuzione della pena.
Nel 2013 la Conferenza ha istituito la giornata nazionale A scuola di libertà, ogni anno nel periodo intorno al 15 novembre oltre 10.000 studenti hanno l’occasione di conoscere il carcere e il mondo della Giustizia, di riflettere sui meccanismi che portano a scivolare nell’illegalità e a comprendere che un'altra Giustizia è possibile, per citare il motto di una delle scorse edizioni.

La presidente
Ornella Favero

Allegato -



 

Oggi: 27/06/2017
Risoluzione ottimizzata 1024 x 768
Realizzato da
Roberto La Barbera